Entertainment

Annuario della Scuola Archeologica di Atene e delle Missioni Italiane in Oriente, vol. 4-5, 1921-1922 (1924)

Description
SOMMARIO B. Tamaro, Culto miceneo sull'Acropoli V. Vitale, Il portico detto di Eumene G. Guidi, Il muro valeriano a S. Demetrio Katiphori e la questione del Diogeneion B. Tamaro, Pianta epigrafica dell'Acropoli B Tamaro, Un'iscrizione di
Categories
Published
of 506
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Related Documents
Share
Transcript
  ANNUARIO DELLA R. SCUOijA ARCHEOI10GICA J l A1 ENE E DE LL E ~ SS ON 1 1 .ALIANE JN OlllEN fE VOLUl\1E IV-V (1921 -1922 C ON 5 TAVOLE E 275 ILLUS  l1RAZIONI BERG ~IO IS TI   l1 U TO ITALIANO D  AR   l1I GR A FICHE 924  SOMM RIO DEL VOLUNlE IV V B. TAMARO Culto niiceneo sulVAcropoli V. V1ALJD. -  l portico detto di Eumene G. Gurn1. -  l muro vale ri ano a S. Demetr io Katip h ori e la questione del Diogeneion B TAMARO Pianta epigrafica dell Acropoli - Un iscri;:;ione d·i Mecenate si tll Acropoli C. ANTI Altorilievo di sti le severo da Eleitsi G. Gu101. - La de co razione del manto di Despoina nel gntppo di 1-11 13 -3 2 33-54 55 -67 69-70 71 -9 5 Damofonte di Messene 97-115 G. CuLTRERA. - Tre vasi attici del Museo Nazionale 1 a1·quiniense . 117-130 G. Q. G10L101. r. - Una nuova rappr ese nta:;ione del culto attico di Dionysos 131-145 D. CoMPARETTI. - Iscrizioni dell antro delle ~ \ in/e presso Ji arsalos (Tessaglia) . 14 7 -160 A. MrnTo. - Fortificazioni elleniche di Festòs G. GEROLA. - Zea (Keos) A. ~ I  IU I - Un nuovo decreto di Associazione a Rodi - Sc ultur e del Mitseo Arch eo logi co di Rodi . U na fabbrica di anfore rodie Una nuova sculti tr a del Mausoleo cli Alicarnasso - I castelli dei Cavalieri di Rodi a Cos e a BudriZm ( Alicarnasso) G. Gu101. - Viaggio di esplorazione ùi Caria Parte I) A. MAIURT. - Viaggio di esplorazione in Caria Parte II - A). --  Parte II - B . --  Parte III) . R. Scuola Archeologica Italiana in Atene: Atti della Scuola 2 maggio 1919 - 30 giugno W22 J Elcnoo dollo tn volo. - dell e figu re nel testo Indice delle materie 161-175 177 -221 223 - 232 233-248 249-269 271-274 275-343 345-396 397-424 425-459 461--188 489-49l 493-498 499 -500  CU L fO :\IICENEO SU LL  ACROPOLI È noto come il pcricgeta Pausania ami spesso interrompere l'arida enumerazione dei monumenti ai qua li passa dinanzi, facendo la storia di questo o dì quel personaggio e talvolta parlando di antichi riti ~opravvissuti sino al suo tempo e di cu i non era facile intendere, allora come oggi, il recondito significato. :\fa fra quanti riti sono da lui ricordati particolarmente singolare appare quello reso al cosidetto Zeus Polieus, al quale egli accenna avvicinandosi con la sua descrizione alla fac ciata orientale dcl Par enone (I, 24 ..J. : xriì. , 116; lom• 1 yaì.pa u) Te Aewza( o11; xc . Ì. 1) ÒJ•o,1w ;611e1•0; l loi.ttv;, i i rtÌ Y.aOeon7x6w l T.1ì1• fJuoiw• rf d((w> 1 T.1ìv hr' aì•wì; i.ero1dv1rv riÌ1:ÙlJ• ov Y( U9'<•) . WÙ Ju)ç rou floJ.doJç xed)ò.ç Y.atw?hrr:eç È;i;Ì n'w {Jw,aòv flf/Uì ,llÉV<iç -  -~ ' ). ' < R - < • ' o , , ). 7Tl'(]Otç ovue,111w 1 f;(OVOt • rv .ax11v · o 1 011.; of , 01• f't; nrv uvaia'' fTOt 1 11aarivuç rpu .aaoot•aw, t1nu:rw u;Jv Ollf( ,tiurnJ>• qom"J11 l:rì. r:1'1• tJwp6v. xa}.oiJat Oé Ttva rc7.ll' leeiwv /Jou<pc)vo1', ( f , -) , , ' '). ' , ., , f , u %Uti•W; T.Ul 1•0Vl 1 %(.Il TW.'l J TUI' ll t l'l' f. U/ 1 a;-Ot'T(ù ì'llf f<Jl0 1 Ol VO/IOt;-OIXHat q 1~{<1w · o[ ~è fire ròi• U.11(}( ri <ì;; / Oeaoe rò i (]yo11 ovx elo6uç, lç biY.17v {•ml)•ovat ròv 7Tf2exvv La brevt notizia ò completata da un'altra, pure di Pausania: enumerando dopo l Areopago i vari tribunali egli viene a parlare del Pritano.o in cui si giudi cava di tuLte le cose inanimate che avessero commesso delitto e Io dice istituito allorchè, regnando Eretteo (I, 28, 10): Tore rrec' >rn1• {Jovv / xumv 6 (Jov<r61•oç b rì -. • T<.v (Jw,uoiJ wìi floi.tiw ç Lli6.:; · xaì o prv ù:roÌ.mÒJv TWJT/l T.Ò1 1 rrO.ex11v ù.miWev lx njç ;c<i>f a; <peurc1J1•, o oi ;r{Ì.fx 'ç :raeavT.Exa ii<1ef1?17 x eo?eìç Y.<lt li; YOOe tÌl•Ù ;cii,, hoç xgb,erat. Vari < lemcnti si possono trarre da questa narrazione dcl rito: anzi tutto il f11tto che un sacerdote uccide un bue considerato come animale sacro perchè in seguito a questa uccisione egli deve fuggire, poi lo speciale Yaloi-e religioso del- 1 ascia che viene condotta in giudizio. Elementi però non sempre egualmente intesi ed interpretati perchè, in apparenza almeno, differiscono da alt ri testi ricor- danti lo stesso sacrificio, per esempio da una delle due redazioni che ce ne ha tramandato Porfirio nel suo e De abstinentia · Lo scrittore neoplatonico infatti sembra (2, 30) confermare, descrivendo il culto, i particolari già noti del bue che  2 BHUNA TAMARO tocca le focacce poste sull'altare per un sacrificio incruento ed è ucciso, con l'aiuto dei presenti, dal sacerdote : azione sacrilega per cui quanti vi hanno partecipato, ad evitarno la punizione, cercheranno di far riapparire l'animale come vivo rigonfiandone la pollo e gettando a mare il coltello 1• Ma (2, 29) narrandone prima le srcini egli dice che il primo ucciso re del bue è un coltivatore dell'Attica che con un'ascia colpisce l'animale, colpevole di aver toccato al ritorno dal lavoro le offerte incruente da lui poste sul ' altare per fare un sacrificio agli dei. Anche costui come empio fugge a Greta, ma ne viene richiamato dietro consiglio della Pizia, pcrchè per questo sacrilegio una grande siccità colpisce il paese: dove anzi rip e tere il sacrificio del bue, di nnovo minutamente descritto 2• Sono duo versioni dunque completamente diverse, per cui vien fatto di doman darsi quale sia la pii1 amica, probl ema interessant e in quanto importa la spiega zione di t utto il culto, se cioè l'elemento principale sia la distruzione delle offerte agresti o non piuttosto l uccisione dell'animale. È certo che per la tendenza a spiegare esaLtar uente ogni parte del rito si ò subito tentati di considerare la sc•co nda versione (2, 29) come la pitt recente, for matasi quando cominciò la riflessione sui riti stessi. Per di più, come è noto, essa è attinta da Teofrasto 3 e riferita da Porfirio perchè gli dava occasione di dipin gere a p1u foschi colori l'avversione dei tempi pii1 progrediti per i sacrifici di sangue 1• Invece la prima conforma in sostanza Pausania: solo il sacerdote è deLto {Jouiu:;r,oç anzichò fiovrp61 1 0:;. Ma che le due voci si equivalgano lo dimostra uno 1 'A:t' buit•ou . "/I. ' rot1 ••ii•• ù,rì coi; J1:roJ.Ft'o1.: •,a {hj•·1101J1 i,. tlx9o:H;i.H oi ri~111u't•m ''~" abròr r:?<i:ro,, :rotoi'=t-r<.u ,,;,. Toi Jloi>: Ot·ata•'. {J/1·11.; i''Ì J {~ • ..,; uj; zai.;aj; T~a:rt':;F ."tli.avo•• >WÌ lj'CUorà, .-Ytgui.o.t~t·ot~m roÌ•.; %f narL,tH/t?ivra.: /foP:. <:.Ì•• ci Y' t•oci.'u.,o~ xO:rura4. ><te.( tlt•IJ u;'>v Taiiuc. t\f ,,;.,,,.,.. tl'Jrtt' ,.;;,.., oi' ,"; v tÀ:rÒ roiì .ruc.H~$avro' ~:cv.-rci.raov #ot'Tl~;rm. w1.i.01\un•ot :ui t irt: . ot' ~· c~;rÒ roii ~rt( tiJ.U.oo.no; ~tn( 1Uò <u, rof·~ ()' f. L 'r'à 10Ìi Ì:ru:nr<i.:S< U 'TO~ t\<.ur~O;•.: (Ì1•0,(1t.L,:ovon 1 5tr~ TIÌl' l><. uji: XtJtrc. t•o.aia; "l'fYO/t1-'n1v t1aìH<, 11).tJ J''jqavrr.; f)Ì r~•· µ,~( '1<0' tlt<J.J' :r JC,.; uj1· xaù10• t.Ì.1.t?t:>m, x<trfcro1,101"':111 {8Ef\'A''' Throplit•at to.t Schri{l iiber 1-·rum111l9J.~if, P't · 90, ~'""·"T1ivrt•>f'110   ) r~•· lf'(l«t lfU'. 2. Tò -;Ò/ ."To.i.wtÌ>• ••• i.t-;•1ta1 xoo•;; .. {)t•o1'n; 01·1111: 1• I {hjn1- f1iV (.lio,uov r,] ~,.;,.,,,Vf. tit1 uvo. ic:J ;'ire' oi·x iyxt•; . ,m', yu•>( · l'Oiit•rn 11( x(11tÌ: 11ìv •. l t11>e1ìv, i:11.i :rei.~voti ,,. "i IJ.Ì nò1· Ot•i.11 - 1uirMv ,._'J-,{ ti'j,:: T )Otrl:t}; /11~yt':J.; X(t,ttfJ•(•JJ'1 rt•(t TQ(.:; 1?co;.; 1u1ìru -{)Vo1, T<r)v fJoc:J1-1 n.: 1tou;,,, dn' ; )fOV l<À l"\'' xarùrurl • , ttè. ,),' av1·e:rUr11an•, u.inl'w h' •:ttf <J.f'U'O.Y.11jao.J•rr< lt 'J nt',t4/l<l1•rt ·"'").ùuc.'>: nvo.: :ri.11ar'oJ1 1(xm•«>,u/..,01•, roùro1• 1A9:nt~<o·ra, :ranl ~ u rùv (lof.1•. 1c).n 1 r 1/om•ro: di roii /Joò:. ... uj•• ,1d1• /loù.,, iJtLTrtt, q_uyÌJv di lxot•mot1 t( _>c.i..1ut10; f~; 1jocf111x,:1; tq t·ytv cl; K 1ic'1•'• ul•z.uc~r TI" x<&u>:ci••t(J,,. xaì dttr1j.; ,J:xa ;:r{a.: yo·o .1ti••11;, l:rt( <.'>lf~Ot XOU' Ì rtÌtt {Jt6't' • «• 1 iì4('t' 1j llt•l1ù, tÒ't' iv l\ 1ir J 'ft-yié6a raiir<1 iJ·ottv, r6J1 n <(011l<c. r1,11<•J fl/'1(l/tÙ•<•>v >o:aÌ. n.Ì•• refJvec"Jr« CÌ.v<cnn111<Avn•JV ;_,, fJ:t.ef ci.:rf{J,..,,. ,?t'"'~' j,,fJov tnF11lhu ytvoa,ulv<>1;; rt roù T€0J•€Wro~ xaì. rtit1 11ovio. ins. Rtlisl iu::-) ,u»ì Y.«r<.(f11.0ìla1,, (\'OC. corruplnrn ind. Hurnays). 'or?n• ;17njac(I);; ytv<>,u1'11q.; XtA.; TO~ l:w.,,--r&rt><>ti, o,·, jtÙ•rO< (Be1·- 0:t.\ : pnà libri /UH1.t"O'' ci~J.-.iu ... ) T1j; :r9ti.;u·>~. ,(,·tt•en?t"t· u,,:. ~,.) • .,-ur~o; 1•0 . uloa;; uj; .*rF JÌ <ci•r/J>' dt·ox.o).Ù1.; fÌ."falla;•1io.f'a• iJw <•); lr«r1,,V: &no;. te• ~ou· i rai·rù (Bcrna)"S: <u·.,,; '1on.1rcn- ses TO;; t11 '~.) :t <i.~Ft<l•' :rO.nc.:. /'1 1 I ·"' 'Ì: roi·; al·rO» .'urri. tJ6n1<;. ,),;-,. Xlc.fQ)(O:f1j1·a1 jlo;. • {•."TtÌ 11;.: :r1j).((•J:: • èc..TO~Ol~VrMI' , ; r1'; ,; .T•A1t(Et•Jt1 itniu, :T"- ""1.•Ì., uJ 1 r<J;: roi-10, ti :roi.,_·,,,,. at'-1<~•· :rot1}f)li.11n·o1. (xrtiJ Y.OfY<•n·1jl'J<wm tot.., 116»ot•. Ot"/ZWf. >Jr?/r l"f>JY (),._., r(jt~lflJJ' o'>.; i."l( ur1jiJJ<H• l."Ti ,;,,, .--r04o·, ,_,,1,,lr<<.:tu• oihc•J rii'' :r9ti. 1.v 1i:rt9 (Ucrnay iì. - .,a) >o:ai ,.;;,, ,s,a._,u:,,,, :ta.t./ aì 1 T<>ì.;. 1SOJ {1•laorr'1( ot•: :rag~?h•<w~ >«Ht'i.r~'"' · at' ,s, ;:,1fl> J XO/J./:011qo 1  //:u•J: H~Ji :-riJ.t:XVI' X((; ,,,,. /rd.1.0C , CCI' dxo1•1j11ot111111. tÌ.xon1m.é• 1 H•ll' M l."tÙ}(tJY..1:1• ,ui1• T<~l' ;dl.tx1•v tn JO;, Q t)'i.--dcrf1.E1 Tf~v fio;.,., ii.V.o: 6 1 t11r1 aEc, 11;)1• ,s; ,1utt"t r<il-ru On Jd1•rt•J•• ,"y, •"  ' '' > roi i (ltKÌ: :rthu: • TOt~1Mt1 M ·"'f..Hl.lt'l/t•T<•J•' nj>' fti•• Ao .,>tÌ:•• 101'; JlotÌ~ ;.,-(fJ'CU'rt: }(a} J.<;9r10) l."Toyxttll'Jaru.: i~ar/OH)l'JQJ [z<>t'Ttt r<tÌ>1Ù•• U.--rtq xa{ ,:-,;),. l'nl' l'Ì' '' x11.i .--r Jo11i:n•' <o• Uf Ot.f. fit> ,;,, ,~ :•n.:.o,1tit·<p • X JÙlt>' M :row1~111ro1 roV q tfro,. :r<A1•1a;; lx1i.i,()111• ci.; U.-coi.oyiov roÌ•.; 11ì: .T J<tE.J<•J: %Ocv<r)1•1jfJto• u.c; • 1:J .. ,J,ì (Bcr113~ s ,;J.; ,1n cci ,nì., i•t)f O'/ ,; l<>t roi•; &Y.ov1jmo· uc~ ai1u":i1• ]}'lr<-':J1 1 ro 1u~i.i.01 •. o[ Of t~XOJ•Jjnwirt.; cùv i:r16Q1•r« uì1• :r/).>><•'•'· o:;ro: f~J : tÙ» e tr<n,~.:al'T«, ,; ,); :a.url~a.: 1Ù.,, • (int. Naucl..) l."l"'Htci.~ono, xai O roiiro dt_HÌ.'1<&: uìJ' /tÙ.7.atf m'. >m- 1?' i'j; or.1111.;. 1(c, c01•ov TÒ•· (I O•'OJ• Y.a.r/y1•(•JIJ(O . 3 Si sa che il ,·alore del 1ra11a10 Ji Porfirio sia nel fa110 eh' egli rifcri~<'C, spesso alla lellera, lo opinioni dei filosofi pii1 anlichi; egli -i giova sopra11u110 del libro di Teofro-10 •U( Ì lt'<1t/lt:u:. crr. J. IlEll~MS, TMophrM/0$ 0 Schri(t llbrr frìi1111nio~·elf, Borlin, 866. ~ Lo .Jal111 (Giovo: POLIEO, . ll emo1·le tlcll'f.ttituto, 1865, P•ll'· l ;;;i;.) ,cJc •1111 i nella fu;;a a Creta , don<le l'ucci sore porla lo cerimooic cspi:uoric, l'accenno al pcl'iod<1, cerio mollo tnrdo, in cui si cere•"·' nel culto orgia si iro oli Gio'e in Crei a la ra gione delle iJec e degli u<i nilupp•ti-i nei culti orfici e pi· tai;orici.  CULT O MI0 ll1NEO 3 scolio ad Apollonio Rodio (Il, 90 B. ) in cui il {Jovtv;-ro~ è de tto: o wi •ç fJl opi Pottç {Jou:; r {> :rei.ix et n ~; rn :o v xarà TOU avzivoç 1• Più importante è il fatto che in Porfirio o ra si parla dell asc ia ora del co l- tello 2: ma la sua incertezza in un'epoca in cu i il valore dell 'asc ia non doveva essere più inteso è spiegabilissima. Pau sania invece per quanto riguarda i culti antichi si attiene sempre alle fonti più sicure::. Nel nostro caso basti dire che di ascia parla oltre al passo già citato anche uno scolio ad Aristofane 1 ripetuto in Su id o/• . m di ossn. si ha anche la rappr esentazione ne ll 'un ico monumento figurato che si po sse gga d el calendario ateniese, cioè in quel calendario liturgico che indica le feste celebrate in ogni mese e che ora è inca st rato in un muro della così detta piccola M et ropoli. Vi si ritrovano solo feste pubbliche e fra esse anche quelle in PIO. I CAr • xoARIO LI TURG ICO: RA P PRESEST.\ZIONE ot;r,LA Bot <( ; .. a. - ATENE - l'I CCOLA METROPOLI. onore di Zeus Polieus indicate da un sa cerdote coll ascia, pronto ( fig. 1 ad immolare la vittima. Le stesse fonti piL1 sopra citate permettono anche di determinare il nome del sacerdote che ha compiuto il primo sacrificio del bue e nella cui famiglia il rito si è poi perpeLuato. Se Pausania accenna semplicemente al 13o v<p6 >' oç di un eavJ.wy figlio di ~ J.òw parlano lo scoliaste di Aristofane e Suida, cui si può aggiungere Esichio 6• Anzi ò da quest'u ltimo che si deduce come fra i discendenti di questo eav}.wy ', i OavJ.ovt~w, il culto di Zeus Polie us diventasse ereditari o', fatto che riconferma l im- I li nome fl<wn   .To; si ritro\·a anche in E5icbio: f/ot•cl-.-rov -l .' '(t''' 'Ì•· ... f/hjnJQU  b~ai.~ho. ix 10i Hcn·i.ovux,;,, rivot•.; ~a11,ortl110·0; (sec. Tor.rr.rn, Ali . (;rn., p. t~ da inle r.irsi ... ù<ai.d10 or tl>t•t j iret;•; ,j • Fx .,n~ .. .l. E il ;~~tl·~ Pot•té.-ro~ i· mcniionalo in C. 1 • 1 • lii   a~, 11 113, 11 6.1. 2 Allra dilfcrc111a ,. ncll• frJSC di Pausania ri ferentesi a f. I' asria "t'i.1r(it?11 x Jt1?11'.; , menlro Porfirio ,. an c he gli autori che .. j \·eJranno 1n c :uito di< ono ch e es~a fu condannata. 3 Cfr. \\'. C11111>r, tsrhicltlt d. gritc/1. Li i ., llonaco, ( .)().;, r· i 2) -;:g. e la biblio;rafoa ivi cii ala. l Schol. Ari.,t. Sub . H85: « ••.• .· yàg rol.:- t.1u:ioi.clo f ; floi"•' HÌ :T<btu ·m• xaroq ay1 •• rò :r af a<Jxn·w11u'rov 1t ::. uìJ {lt•oùo• xa; rot'·rot• 7.'1a'v ffot.11 {J(·ovoo· i-v coì; iJu .-r oJ.r/01.; ,),,( ròv Jloi-v ròv ? o.;·fi• • Ut ni :i<)."ta•·o>' >caÌ n•Oi . uJ. . 9al-i.oora 1}/ nra 1 ,:,.: tlv, ?° :rTi.l>c" 1t.,o>trFìnu Ò•• floi•t". ... ccr. =:  l IO.\, ... \ . f·Jrd·i.t•n•: Ha{·).<•>>' (;J((, •i.<dro~ ); TO J t ~i~ ui.hut ,t,,./xrHl f ròv po;.., ; . 't ay6na rò :rO.Ttu·o1•, ll:rcf 1j1• ."t<1[ <•'1Xll'a'11u.1·ov 11° rìp· Dt•m'<u• lv 1oì: ~   u:roi.i(u.: •. G Cfr. n. t e · ' fJat•J.on~at y/,·o: iOayi-ròv '.A1?1}n1- 7 crr. anche Srhol ••• 1 Il. ::; 4€3: • lxcÌfU ;-4 > :T ,)WrO; t"Ot·i Poli•· <:Jo M <1n• rruya6u1,?d; •. t m·eco Porfirio nella sua \'er..;ionc pili r1•('e1110 p:.rla di tJ/n1,o; (~, 10) o di ~ . .~ a r 0; (~ , ~O)   8 li sar••rJute di Zeu s Poli eu~ il\'e\':t il suo sc~gio neJ t ea . tro di 1Jio11 ioo: C. I. A. 1 lii , 2H.
Search
Similar documents
View more...
Tags
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks
SAVE OUR EARTH

We need your sign to support Project to invent "SMART AND CONTROLLABLE REFLECTIVE BALLOONS" to cover the Sun and Save Our Earth.

More details...

Sign Now!

We are very appreciated for your Prompt Action!

x