Humor

ARCHEOLOGIA MEDIEVALE

Description
ARCHEOLOGIA MEDIEVALE
Categories
Published
of 31
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Related Documents
Share
Transcript
  ARCHEOLOGIA MEDIEVALE Immagine iniziale Seconda metà degli anni 60: si parla di archeologia medievale Inizio 800 si sviluppa un interesse per questa disciplina che nel fine 800 verrà messa in secondo piano per dare spazio a l’identità Romana dell’Italia  BASI: la fine del mondo romano è fondamentale per capire cosa è avvenuto dopo. Gli studiosi di questa epoca si dividono in:    CONTINUISTI: fine del mondo antico e continuità con il mondo medievale non vedono quindi un crollo e la crisi è vista come una trasformazione.    DISCONTINUISTI: identificano casi di rottura tra mondo antico e medievale (cin una fine e un nuovo inizio). Ceramiche e anfore sono elementi che possono dare continuità o discontinuità L’IMPERO NELLA TARDA ANTICHITA’      fine impero Romano d’Occiden te (la silente caduta) 476      Egitto produce cereali che sostenevano l’Italia      Terra sigillata: ceramica fine che nel corso del primo e secondo secolo d.C viene trovata in Italia scompare poi nel II secolo d.C ELEMENTI FONDAMENTALI    Diocleziano ( 284-305 ) tetrarchia    Costantino ( 306-307 ) e gli imperatori di IV secolo    296 capitale: Milano    402  capitale: Ravenna    476 deposizione di Romolo Augusto Teorie riguardo la caduta dell’Impero Romano  Edward Gibbon Elenca le ragioni della crisi (dell’Impero Romano) come causa dell’arrivo delle popolazioni barbare e del cristianesimo Rostovzeff Studioso russo che analizza la crisi del mondo romano in chiave sociale ponendo come cause: 1-   Guerre civili tardo-antiche 2-   Eredità III secolo: disordine sociale 3-   Restaurazione impero di Diocleziano con aumento degli effettivi e Costantino che promuove la guardia Pretoriana (guardia del corpo) 4-   Obbligo militare tramutato in tassa (Aurum Tironicum) 5-   Esercito come spazio di ascesa sociale (generali  imperatori) 6-   Aumento burocrazia e funzionari Mazzarino –  1973 Pensa che il cristianesimo è elemento di innovazione Averil Cameron –  1993 Vede la crisi dell’impero come progressiva   idea presa da J.Tainter Le Goff/Braudel  Concetto di lunga durata applicato sia in Oriente, con successo, che in Occidente, con insuccesso. Considerano vantaggioso lo studio evolutivo di vari elementi come: insediamento, strutture società, cultura materiale. Ward-Perkins Uno dei più grandi discontinuisti e dà la colpa ai barbari , li incolpa della caduta della struttura politica, della civiltà e per la scomparsa del confort. Uno tesi politicamente scorretta, molto critica IL MONDO TARDO ANTICO Plazzo di Sparta uno dei più importanti esempi del mondo tardo antico. In questo periodo troviamo un’altissima contaminazione culturale  da parte di altri popoli Problema: C’è una percezione di una doppia tradizione culturale  Tradizione romana ----------- tradizione germanica Nel mondo tardo antico si mantiene un cuore di cultura tardo romana di base + contaminazione di altre realtà Problema: da capire se la contaminazione avviene tramite una persona che porta un prodotto o se c’è un’esportazione di prodotto.  La cultura materiale tardo antica può essere scomposta:    produzione ceramiche    monetazione STATUS SOCIALE ELEVATO: villa romana (di piazza Alberina) in questa villa non troviamo più elementi produttivi, riprende le strutture tardo antiche simbolo del potere.    Il proprietario tardo antico vive all’interno di ville come forma di rappresentazione del potere del lusso e dello stato sociale elevato    Prima pas Urbana + pas rustica dopo: pas urbana    I mosaici nelle ville sono solitamente tardo antichi perché appunto c’è un aumento del lusso e della ricchezza che fanno sfarzo nelle dimore. IV secolo, infatti, c’è un aumento della ricchezza delle persone benestanti ed un aumento della difficoltà e della povertà dei contadini. CLASSI SOCIALI ELEVATE: Giuliano l’Argentario promosse la costruzione di monumenti a Ravenna, San Michele, San Vitale e Sant’Apolliane in Classe  Per San Vitale spese: 2600 solidi e la chiesa di Ravenna all’ora aveva entrate di 15000 solidi.  *Immagini* Promosse da Ecclesio vescovo di Ravenna e dal suo successore Massimiliano Società tardo antica complessa ed articolata Caso MELANIA seniore e Melania iuniore (nipote)    Alla morte decide di donare tutti i sui beni alla chiesa    I suoi beni venivano gestiti da procuratori i quali gestivano anche le proprietà    L’economia del tempo era quindi molto più complessa      60 ville in Sicilia   A Roma: nelle ville è sempre più presente l’A ULA ABSIDALE nelle planimetrie. Questa viene ripresa dalla basilica di S.Pietro come simbolo di potere imperiale, viene quindi presa come modello da costruire all’interno delle ville tardo antiche.  La tarda antichità ha modelli differenti che vengono ripresi poi nel medioevo Mette in luce: 1.   livelli di ricchezza elevati 2.   forte differenziazione sociale 3.   Modelli costrutti in evocazione a modelli imperiali Ai margini dell’impero (come confini) storicamente si sono sempre mosse tante popolazione quelle meno nomadi e quelle più nomadi che portavano influenze culturali ovunque. Due fenomeni riconosciuti:    Migratorio periodico Nord EU --- Est (con tradizioni germaniche)    Migratorio periodico in aree orientali (vie della seta) est (con tradizioni asiatiche) ELEMENTI RICONOSCIMENTO SOCIALE    Varietà delle mode    Divisione etnica o divisione sociale? Corredi funerari –   elementi di distinzione per valore etnico e sociale IV secolo –   affermazione di uno “stile militare”  V-VI –  con la diffusione di modelli germanici Quando si trovano elementi germanici in luoghi romani:    Insediamenti di popolazioni germaniche all’interno    Un germanico che acquista una figura importante a livello sociale e che quindi o viene imitata o presa come riferimento anche nel vestiario. L’INSEDIAMENTO  COME LUOGO DI RAPPRESENTANZA La villa tardo romana di desenzano del Garda ha delle terme, una zona di rappresentanza, una piccola parte rustica e il resto dedicato al lusso. Era una vila molto probabilmente senatoriale. Subisce un forte impulso per gli investimenti a partire dal IV secolo, perché? Perché c’e lo spostamento della capitale a Milano. San Giovanni di Ruoti sembra una chiesa ma è una parte di rappresentanza all’interno della villa ultra compatta come struttura San Giusto, Lucera Puglia ha messo in luce una grande villa con ancora una parte produttiva al suo interno. LO SVILUPPO DI UN COMPLESSO RELIGIOSO DI GRANDE ARTICOLAZIONE: 2 edifici religiosi un cimitero (con la maggior parte dei sepolti di srcine orientale) e una parte liturgica con chiesa, battistero. 29 SETTEMBRE 2017 A partire dal V secolo trasformazione delle ville    Grotte di Catullo, Sirmione è datata dalla prima metà del primo secolo a.C,    Una delle ville più antiche del lago di Garda    Probabile commissione dalle autorità imperiali     Fine del III secolo viene abbandonata e ricostruita e ristrutturata come struttura prevalentemente militare.    Non è più Villa ma castello A prova di questo __ sviluppo di Villa Sirmione di antiche mura, nel corso del IV vengono trasferiti elemento della Villa Catullo È un fenomeno molto interessante di trasformazione delle ville Area Gardesana –  San. Faustino di Desenzano    È una Villa interna quindi non di lusso che quindi può essere composta per produzione o per piccoli proprietari    Questo caso è utile per introdurre un elemento del VI secolo (progressivo abbandono della Villa e ripresa di ampliamento in altri settori)    I pavimenti sono in terra battuta CASI DI TRASFORMAZIONE:    CASTELLETTO DI BRENZONE o   Ritrovato grande complesso rustico o   Subisce trasformazione utilità    EVOLUZIONE DELLA VILLA DI LOUPIAN: o   Uno dei siti più problematici o   Scavar metà anni 90-2000 o   Una parte residenziale (per lavoratori, residenza estiva e invernale) e una parte produttiva (che resta anche nella metà del secolo dopo) da I secolo a II secolo La trasformazione IV secolo d.C viene ridotta la parte dei lavoratori e sia tengono parti della zona produttiva Vengono MANTENUTI E SVILUPPATI MAGAZZINI, spariscono i lavoratori IV-V secolo siamo sicuri che la resistenza è intatta La parte residenziale è il prodotto di una ristrutturazione e tutti i mosaici sono datati IV secolo d.C Questa Villa è di media grandezza. Verso tarda antichità ESPANSIONE DELLE AREE MAGAZZINALI E RIDUZIONE AREE ABITATE    Mozambano Mansarine: inversione funzionale o   Ultimo decennio del IV secolo viene aggiunta un AULA ABSIDALE nella zona fattoria o   20 anni dopo incendio e abbandono della Villa o   Successivo rioccupazione nella metà del V secolo o   IMPORTANTE –  restauro e poi abbandono o   Strutture in terra battuta o   I nuovi abitanti si collocano nella parte rustica e utilizzano la parte Absidale come ricovero per gli animali, le parti pericolanti vengono abbattute    EVOLUZIONE INSEDIAMENTO DI VANDOVURES Ginevra o   VI secolo –  si intravedono delle chiazze scure –  delle capanne che sorgono di fianco alla villa in rovina. o   Questi elementi sono alla base di un nuovo secolo    LA RAMIERE o   Metà del V secolo disarticolazione della villa e di conseguenza della cultura materiale    DESANA o   V- VI secolo compaiono edifici a carattere religioso (inseriti all’interno della villa abitata e pienamente funzionante) Questioni aperte:    Tempi e modi delle trasformazioni     Rapporto villa   nuovo insediamento o chiesa    Perché la villa si “esaurisce”? Perché si trasforma? Quali processi stanno alla base di questo mutamento? MUTAMENTO DAL V SECOLO QUESTIONE DEMOGRAFICA Nel I secolo   picco demografico Dal II secolo in poi   progressivo calo demografico   conseguente abbandono progressivo delle ville PRODUZIONI E SCAMBI IN AREA MEDITERRANEA Lo studio delle produzioni tardo romane. Scambi di:    Anfore    Produzione di ceramiche fini    Produzione “common ware”   ceramiche comuni (di uso comune) Età imperiale I-II secolo Produzione:    Ceramiche terre sigillate in primis ad Arezzo, ceramiche molto ben curate con patina di vernice accesa    Produzione di grosso successo –  produzioni Pompeiane 1 Nord-Africa produzioni I-VI secolo:    Ceramiche fini    Prodotti per la cottura del cibo    Braceri    Anfore Nella fase tardo antica sono elementi fondamentali per datare tutto il resto. Centro di produzione   Tunisia (dove le fucine raggiungono livelli di produzione quasi industriali), i prodotti per la cottura vengono usati in tutto l’impero Occidentale.   Le ceramiche fini vengono prodotte in aree A, C, D. “immagine”   A: prima per nascita, Tunisia interna C: settore orientale D: la più tarda, fucine intorno a Cartagine. Terra sigillata chiara di tipo A: Fine I secolo d.C –  si diffonde in tutto il bacino mediterraneo    A1    A2    A3 IV secolo    AD modello di transizione, verso un rosso brillante Ha una fine molto lenta e progressiva Composta da: Brocche e Scodelle Terra sigillata chiara di tipo C: Fine del II secolo e inizio del III Diffusa nell’ambito mediterraneo: fino alle coste del Portogallo e fino alla metà del V secolo e inizio del VI secolo.    C1   fine del III –  IV secolo    C2    “”      C3   IV –  V secolo con semplificazione delle forme    C4    “”      C5    mantenuto l’impasto che però prende forme più tendenti al tipo D  
Search
Similar documents
View more...
Tags
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks
SAVE OUR EARTH

We need your sign to support Project to invent "SMART AND CONTROLLABLE REFLECTIVE BALLOONS" to cover the Sun and Save Our Earth.

More details...

Sign Now!

We are very appreciated for your Prompt Action!

x